La ex-amica

C’è l’amica, una in particolare, alla quale ho chiesto del tempo per capire meglio, per sistemare quei sentimenti di disapprovazione che piano piano si sono consolidati dentro di me.

Tempo: solo per una questione di rispetto, per fare ordine, perché credo nelle amicizie.

Non ho voluto dare alcuna spiegazione perché non mi sento titolato di elargire giudizi sulla vita di un’altra persona: ho giù tante cose incasinate di mio di cui rimproverarmi che non sono certo in grado di entrare nel merito delle scelte degli altri.

Semplicemente ho chiesto del tempo, perché magari si potessero riaccorciare le distante, perché le tensioni venissero in qualche modo ammorbidite e facilmente superate.

Per tutta risposta, dopo il mio silenzio, e, anche colpa di alcune osservazioni che non sono riuscito a trattenere su FB, l’amica in questione mi toglie l’amicizia.

Poco male, non ha saputo aspettare. Ha preferito sfarfallonare verso altri lidi. Mi è dispiaciuto perché per me non era una scelta facile quella del silenzio e del prendere le distanze.

La sua levità nel togliere l’amicizia però è stata inversamente proporzionale alle sue dichiarazioni di quanto mi volesse bene. In pratica io per lei, dopo la decisione di bannarmi da FB, non esistevo più.

Pazienza. Arrivato a 50 anni, non ne faccio una tragedia. Anzi, ci mancherebbe!

Oggi però mi hanno fatto notare che lei ha usato UNA MIA FOTO, vi rendete conto? UNA MIA FOTO, che, bisogna dirlo, aveva già utilizzato, ma che avrebbe dovuto chiedermi quanto meno il permesso di usarla di nuovo.

Lei è fotografa professionale, fà di quei pipponi giganti a chi non attribuisce la paternità delle foto, a chi non valida in maniera più che onesta il lavoro degli altri. Si presume che sia stata la fotografa ufficiale di moltissimi eventi ufficiali e dovrebbe saperlo bene come vanno le cose.

A me non frega niente di una foto. E non ne faccio una questione di principio. Ma se se ne è andata perché mai utilizza qualcosa di mio solo perché la ritrae come una patella avvinghiata a un famoso nuotatore?

Io non ho niente da nascondere, non ho niente da recriminare ma non mi sembra una mossa coerente. Lo dico qui, in questo blog, magari le arriverà questo messaggio e chieda per lo meno scusa. Non tanto per l’amicizia tradita con la più alta forma di dissenso, togliendola da FB, ma così per correttezza. Semplicemente correttezza.

Facebook Comments

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: