Nella scorsa tornata elettorale il Corriere e i suoi giornalisti (in primis Beppe Severgnini) non si sono fatti alcun problema nel dare indicazioni di voto dichiarando di votare la sinistra.

Ora che votarla significa vergognarsi (francamente dopo quello che ha fatto) il giornale non vuole dare nemmeno un minimo di suggerimento.

È questa l’Italia falsa e ipocrita che mi si presenta al voto? E chi voto?

La sinistra no, questo è certo, ma anche la destra mi fa veramente vomitare.

Perché non riusciamo ad essere un popolo civile con un alto senso del bene comune, della res publica? Perché tutti devono mangiare i soldi e nessuno realmente è punito?

Lascia un commento